Vuoi lavorare meglio? Impara quando fare l’Architetto e quando il Muratore

C’è un piccolo trucco che voglio passarti per essere più efficiente e leggera quando lavori.

Il trucco l’ho imparato da Chase Reeves di Fizzle (il nome originale della tecnica è Worker Bee vs CEO Mode).

Il punto di partenza è imparare a distinguere 2 modalità in cui puoi lavorare: quella dell’architetto e quella del muratore.

Cosa sono queste modalità?

La modalità architetto è quella in cui pianifichi, definisci obiettivi e strategie. E’ il momento in cui scrivi la lista di cose da fare, la riorganizzi e dai le priorità.

La modalità muratore è quella in cui fai le cose a “testa bassa” senza pensare al disegno generale. E’ il momento in cui prendi la lista di cose da fare e la fai (senza aggiungere o cancellare cose!).

Leggi tutto “Vuoi lavorare meglio? Impara quando fare l’Architetto e quando il Muratore”

L’alternativa all’Anno sabbatico: il Mese sabbatico [Guida pratica per organizzarlo]

Per chi lavora nel terziario, in ambienti di lavoro complessi o per chi è addirittura un libero professionista e si trova stretto costantemente tra richieste assurde o deadline settimanali è normale ogni tanto avere desideri di fuga!

L’anno sabbatico è il must a cui spesso i nostri pensieri volano, quando ci troviamo in difficoltà: mollo tutto e ci vediamo tra un anno!

12 mesi fa mi trovavo esattamente in questa situazione

Leggi tutto “L’alternativa all’Anno sabbatico: il Mese sabbatico [Guida pratica per organizzarlo]”

Come progettare un Weekend sabbatico ed iniziare il proprio side-project

L’anno sabbatico è tornato di gran moda, sarà che il lavoro concettuale è stressante, sarà che siamo persone con tanti interessi o passioni, sarà che i voli low-cost ci fanno apparire mooolto vicine anche le mete più esotiche.

L’anno in Australia o in Inghilterra per migliorare la lingua, il viaggio mistico in India per ritrovare sè stessi, tutte esperienze di cui sentiamo tanto parlare, ma che non tutti possono permettersi.

btw, questo è lo Sri Lanka, perfetto per chi ha almeno 3 mesi di tempo sabbatico
btw, questo è lo Sri Lanka, perfetto per chi ha almeno 3 mesi di tempo sabbatico

Se mollo la sedia su cui sono seduta non ci sarà più quando torno!

Allo stesso tempo però, per chi ha un side-project, è molto difficile riuscire a portarlo avanti sempre e solo nei ritagli di tempo.

Leggi tutto “Come progettare un Weekend sabbatico ed iniziare il proprio side-project”

📚 Guida Pratica al Bullet Journal

La tecnica di oggi è di Elisa Angelico, collaboratrice di Super Good Life che forse già conoscete visto che è lei la graphic designer del nostro Quaderno di Bordo.

E’ da diversi mesi che vedevamo Elisa portarsi sempre dietro una sua agenda ed aggiornarla durante il giorno…un giorno poi ci ha raccontato del il Bullet Journal e di come grazie ad esso è riuscita a realizzare le cose che da troppo tempo stava rimandando.

La parola ad Elisa!

Sono sempre stata una grande amante delle liste, sin da quando frequentavo l’università.

Molte volte mi ritrovavo a scarabocchiare task su fogli volanti che distruggevo a fine giornata o che accumulavo sulla scrivania per mesi. Ho provato qualsiasi tipo di gestore di task digitale (da Trello a Evernote), con il risultato di non riuscire a far altro che diventare una gran procrastinatrice.

“Mi sentivo sommersa da compiti da fare, senza capire esattamente cosa stavo facendo e senza mai trovare il tempo per progettare ciò che volevo veramente.”

Creavo una lista del giorno ma non un elenco di priorità sul medio-lungo termine. Mi trovavo sommersa da fogli senza capo né coda, difficili da interpretare a posteriori e senza ricordare bene cosa avessi fatto nello specifico che avesse senso per me.

Leggi tutto “📚 Guida Pratica al Bullet Journal”

Avvicinati ai tuoi obiettivi e goditi il weekend con questa routine settimanale

Breve cronaca di un venerdì pomeriggio fuori controllo.

La lista delle cose da fare è ancora (troppo) lunga.

Sei sicura che neanche questa volta riuscirai a finirla prima del weekend così continui a lavorare a testa bassa cercando di concludere almeno le cose più urgenti.

6.44 PM. La tua dolce metà ti ricorda per la terza volta che è ora di andare a casa e iniziare il weekend.

Anche questo venerdì chiudi il computer con la sensazione che ti stai dimenticando qualcosa di importante e urgente.

Sensazione che ti segue per tutto il weekend. Verso domenica sera si aggiunge un di senso di colpa per non fare progressi sul progetto che vuoi iniziare da mesi (o forse sono già anni?).

Arriva il Lunedì mattina e riparti senza una direzione chiara. La tua agenda viene creata in risposta alle email, alle richieste dei colleghi… fino a venerdì prossimo quando la storia ripartirà da capo.

🙁

Ti riconosci in questa storia?
Io l’ho vissuta tante volte.

Ecco la variante felice con la routine settimanale

Facciamo un rewind a venerdì pomeriggio.

Leggi tutto “Avvicinati ai tuoi obiettivi e goditi il weekend con questa routine settimanale”

La tecnica dello Scalo: pianificare la settimana per ottenere risultati

Da una parte ho i miei obiettivi, poi ogni giorno mi faccio mille liste di cose da fare ma mi sembra comunque di girare a vuoto: fatico tanto ma non mi sembra di avvicinarmi alla meta.  A volte mi sento come dentro la ruota del criceto.

Le scorse settimane abbiamo visto quanto sia utile costruirsi una Mappa da seguire per indirizzare gli sforzi lavorativi di ogni giorno.

Una volta scoperta la direzione però, col passare dei giorni è facile perdere l’orientamento.  Noi abbiamo scoperto che è molto utile iniziare e finire la settimana riprendendo fiato, rendendoci conto dei progressi raggiunti e pianificando le prossime mosse.

Chiamiamo questo esercizio lo Scalo ed è come se facessimo una pausa nel porto di Tortuga ai Caraibi e per fare il check della rotta percorsa e di come sta la nave.

Lo Scalo è una tecnica pensata per due momenti magici della settimana:

  • il lunedì mattina (quello in cui tanti pensano ripetutamente “voglio morire”)
  • il venerdì pomeriggio (qui invece l’entusiasmo difficilmente manca)

Leggi tutto “La tecnica dello Scalo: pianificare la settimana per ottenere risultati”

La tecnica della Mappa, raggiungere i tuoi obiettivi con il BackPlanning

Invidio tantissimo quelli che riescono a fare piani di vita di lungo periodo, io non riesco a pianificare più di una settimana dall’altra, e devo dire che è anche frustrante, mi sento di andare a caso.

Un anno fa ho fatto un esercizio magico, mi è capitato di sperimentare una tecnica chiamata BackPlanning, è abbastanza nota (chi la conosce scriva un commento:), molto semplice e con un potere incredibile.

È un esercizio su carta in cui si progettano i passi che portano ad un obiettivo, è un piano di battaglia, una rotta da seguire, o se volete, la vostra Mappa (questa tecnica fa parte del nostro Quaderno di bordo).

L’altro aspetto fantastico della Mappa è che è veramente veloce
in 5 minuti è possibile progettare e visualizzare anche gli obiettivi più complicati. Leggi tutto “La tecnica della Mappa, raggiungere i tuoi obiettivi con il BackPlanning”

Usa la tecnica della Boa per dire no alle giornate fuori controllo

Con l’insonnia nulla è reale. Tutto è lontano. Tutto è una copia di una copia di una copia…
– Il narratore di Fight Club

Sei sommerso di cose da fare?
Guardando indietro le giornate ti sembrano tutte uguali?
Non hai mai tempo di fare un check di come stai andando…e correggere la rotta?

Con la tecnica della Boa puoi rimanere più in controllo delle tue giornate.

È un semplice esercizio di scrittura su carta, che tramite il controllo delle cose da fare ed alcune domande, ti restituisce un punto di orientamento (questa tecnica fa parte del nostro nuovo Quaderno di Bordo).

Vuoi provare la tecnica Boa sulla tua pelle? I requisiti sono:

  • 5 minuti (in qualsiasi momento della giornata)
  • Carta e penna

(Stai leggendo dallo smartphone mentre sei in metropolitana/bagno/cavallo? Allora ti consiglio di salvare l’articolo per quando avrai 5 minuti e farlo con carta, penna e… tavolo!)

Leggi tutto “Usa la tecnica della Boa per dire no alle giornate fuori controllo”

Come lavorare meno (e più sereni) con le leggi di Pareto e di Parkinson

Hai le giornate sempre piene? Sei sicuro che tutte le attività che fai siano degne del tuo tempo e del tuo stress?
Quanto spesso metti in discussione l’importanza dei clienti e dei progetti su cui lavori?

Per i primi 4 anni della mia vita da professionista mi sono riempito le giornate di lavoro da fare. Davo per scontato di dover lavorare 8 ore al giorno (o più) a prescindere dalla quantità di cose da fare.

Poi ho scoperto due leggi che mi aiutano a lavorare meno e in modo più felice: quella di Parkinson e quella di Pareto.

Ho scritto una guida in cui spiego come funzionano e come possono aiutarti nel tuo lavoro da libero professionista o imprenditore.

Leggi tutto “Come lavorare meno (e più sereni) con le leggi di Pareto e di Parkinson”

Il giorno ideale: scopri com’è fatta la vita che vorresti (e come avvicinarti)

Spesso le vacanze sono l’occasione per riflettere e fare il punto della propria vita.  Quel tempo ritrovato e la mancanza di stress sono ideali per guardarsi dentro, una volta tornati però spesso ci si trova a fare i conti con la realtà.

Una volta ripresa la routine sento che mi sto perdendo un po’ via, tutti i buoni propositi stanno andando a farsi benedire… mi lascio trasportare dalle cose senza riuscire a ricordarmi dove vorrei essere fra qualche anno.   E sinceramente se oggi dovessi dire quali sono i miei sogni faccio molta fatica ad identificarli con precisione.

Anch’io mi sentivo così quando qualche mese fa, mi è capitato di imbattermi in uno degli esercizi che ha avuto l’impatto più grande sulla mia vita.  Lo racconta Chris Guillebau nel suo manifesto (che se ti interessa approfondire ti consiglio).

Leggi tutto “Il giorno ideale: scopri com’è fatta la vita che vorresti (e come avvicinarti)”