Controllare le finanze per acquisire fiducia – intervista a Mariachiara Montera

Ospite di Super Good Life è Mariachiara Montera, con lei continua una serie di post per scovare le tecniche e gli approcci al lavoro più efficaci fra i migliori professionisti della nostra rete.

Mariachiara lavora come Content Marketing Manager e Digital Pr nei settori food e turismo, è formatrice e tiene docenze presso lo IULM.  Ha scritto due libri sull’essere freelance e sull’event marketing.  Ha ideato un format di event marketing per foodies, la Foodie Geek Dinner.

Nata a Salerno, ha vissuto a Bologna, Milano e ora ha casa a Torino.

Qual è stata una delle tecniche più importanti che hai imparato per diventare più serena come freelance?

Per me è stato fondamentale imparare a tenere sotto controllo le finanze.
Qualche anno fa ho pubblicato un libro sul mio primo anno da freelance in cui lamentavo di essere vittima, a tratti, della sindrome da piccola fiammiferaia, che era il modo in cui chiamavo la sindrome dell’impostore: non sono abbastanza brava, mi dicevo.

Cosa ha a che fare questo con le finanze, penserai?

La capacità di gestire i propri soldi ha a che fare con la fiducia nelle tue capacità personali e professionali: è una relazione dinamica che si basa sul quanto ci si vede e ci si sente solidi nella propria autonomia.

Fino a qualche anno fa ero una di quelle persone che non sapeva mai quanto aveva sul conto, quanto spendeva, quanto avrebbe dovuto pagare di tasse: ne avevo quasi paura, e a pensarci dopo non era l’unico strumento di controllo che mi mancava.

Quando mi sono messa in proprio non avevo un business plan lucido e questo è venuto dopo insieme agli altri strumenti.

Il primo passo è stata la volontà di essere consapevoli, per avere degli elementi per capire: quanto spendo, è stata la prima domanda che mi sono fatta.

Quindi, ho aperto un foglio excel, creato delle categorie – beauty, casa, shopping, gatti – e mese dopo mese ho segnato tutte le spese. Alla fine dell’anno ho calcolato quanto ho speso per ogni categoria.

Per cosa mi è stato utile?
Per smettere di avere paura: i soldi sono qualcosa che hanno una forma precisa, che entra o esce sotto forma di scarpe, bollette, tasse. Dargli questa forma è stato il primo passo.

Il secondo è stato aprire un nuovo conto bancario in una banca con poche spese dove per ogni fattura verso il 50%: ci sono degli extra? Sono lì.

Il terzo è stato rifare un excel, ma più intelligente: ho segnato tutte le mie uscite fisse (bollette, abbonamento, commercialista), le mie entrate e in questo modo so sempre quanto mi serve da lì ai mesi successivi. Ho un budget massimo dedicato alle spese opzionali e cerco di non sforarlo.

Alla fine ho impiegato più di due anni per fare questa strada, e ne sono contenta: oggi ho più fiducia nella mia capacità di guadagnare, e questo dipende anche dalla consapevolezza e dal controllo delle mie finanze.

Quindi: prima si cambia la testa, poi il conto!

essere-donna-single-freelance

Quando hai bisogno di concentrarti, cosa fai?

Quando posso cammino, mi aiuta molto. Altrimenti mi impegno a finire quel compito entro una certa ora, e il segreto è pensare alla ricompensa: come potrò godermi il tempo libero guadagnato?

C’è un’app, un’applicazione o un servizio online che fa parte del tuo arsenale segreto sul lavoro?

C’è un App che ho scoperto di recente: si chiama Focus Keeper, e funziona con la tecnica del pomodoro – tempo di lavoro, tempo per pausa e così via. Ha dei suoni che mi aiutano molto nella concentrazione, e poi con me funziona davvero: se so che poi ci sarà una pausa divento più efficace.


Ringraziamo Mariachiara e ti lasciamo alle istruzioni per realizzare il tuo budget personale.

Come creare il tuo budget personale

In questo post Matteo ti aiuta a creare il tuo budget personale usando Excel, seguendoti passo passo (comprende anche il template Excel già pronto da compilare).

Puoi trovare Mariachiara presso il suo blog

Autore: Augusto Pirovano

Tecnicamente sono un Bocconiano anche se di economia mi sono occupato veramente poco. Amo progettare esperienze, giochi, scrivere codice e cucinare. La mia missione: preparare la pasta al pomodoro definitiva.